Clicky

PER UN GUASTO TECNICO AL SERVER L’ACCESSO ALL’ARCHIVIO È SOSPESO

L’ARCHIVIO

L’archivio diocesano di Mazara del Vallo è uno dei più importanti archivi storici ecclesiastici della Sicilia.

LA STORIA

Risalente al XV secolo, l’archivio conserva documenti riguardanti il territorio dell’intera Sicilia Occidentale poiché la Diocesi, istituita dal Conte Ruggero, si estendeva sino al 1844 a tutta la provincia di Trapani e a buona parte della provincia di Palermo. Il patrimonio documentario consiste in circa 3500 unità archivistiche (rolli, sacre visite, bolle). La sede dell’Archivio è in via SS. Salvatore, 1 a Mazara del Vallo. Il responsabile è don Pietro Pisciotta.

IL FONDO SACRE VISITE

Il fondo Sacre Visite dell’Archivio storico diocesano costituisce una fonte storica di primaria importanza. Le Sacre Visite interessano un arco di tempo che va dal secolo XVI sino ai nostri giorni e sono relative alle singole città, circoscrizioni e parrocchie. In esse è esposto quanto il Vescovo riscontrava nei vari paesi, documenti del tempo, le relazioni dei sacerdoti dei singoli luoghi e i provvedimenti relativi che ogni vescovo adotta. Le sacre visite, che venivano effettuate ogni cinque anni o all’arrivo di un nuovo Vescovo, costituiscono la base delle Visite ad limina che i Vescovi ogni cinque anni sono tenuti a effettuare e relazionare alle sacre congregazioni romane.

L’ARCHIVIO DIGITALE

L’archivio digitale è il primo realizzato in Sicilia nel settore degli Archivi Storici Ecclesiastici. Il progetto, elaborato dall’Unità Operativa XI-Beni Bibliografici e Archivistici della Soprintendenza Beni Culturali e Ambientali di Trapani, finanziato dall’Assessorato Regionale Beni Culturali e Identità Siciliana sul cap. 376526 negli esercizi finanziari 2010-2011 per una somma totale di € 78.063,24, consiste nella digitalizzazione di una parte delle unità archivistiche del fondo Sacre Visite, relativamente al periodo dal 1520 al 1767, per un totale di n. 135 unità archivistiche.

LA METODOLOGIA

La digitalizzazione è stata effettuata a colori producendo un file immagine per ciascun recto e verso, con l’esclusione delle carte bianche, con uno scanner planetario con piano basculante che emette una quantità limitatissima di luce fredda priva di IR e UV per garantire l’integrità dei documenti. Per ogni digitalizzazione sono state realizzate tre immagini di diverso formato: a) TIFF non compresso con risoluzione ottica di 300 ppi;
b) JPEG con risoluzione ottica di 200 ppi;
c) JPEG compresso a 150 ppi.
Le immagini TIFF sono state archiviate per la conservazione a lungo termine su nastri LTO, che la ditta aggiudicataria (Gestione Archivi S.R.L. di Catania) si è incaricata di conservare e duplicare a scadenze stabilite. Le immagini JPEG sono state archiviate su DVD, per la consultazione nella sede dell’Archivio, e sono confluite, corredate di metadati in formato XML, dopo la preventiva schedatura effettuata da personale specializzato, in un database consultabile mediante Mistral, un software web basedche prevede l’accesso mediante login. Il database è ospitato su un web server appositamente fornito.

COME EFFETTUARE LA RICERCA

La ricerca è effettuabile per ciascuna unità archivistica in riferimento ai seguenti campi:
– segnatura archivistica (armadio, palchetto, posizione)
– denominazione o titolo;
– secolo di produzione;
– estremi cronologici;
– stato di conservazione;
– tipologia del supporto;
– tipologia del materiale scrittorio;
– lingua;
– scrittura;
– consistenza;
– strumenti di ricerca;
– note.

L’accesso all’Archivio storico digitalizzato è gratuito, previa registrazione on line. Occorre quindi compilare il modulo di iscrizione (qui sotto il link) per poter ricevere l’account per l’accesso.

IL PROGETTO

La digitalizzazione del fondo Sacre Visite proseguirà fino alle unità archivistiche relative all’anno 1844, data dello smembramento della Diocesi. Successivamente si procederà alla digitalizzazione di altri fondi.

CONTATTI

Per informazioni si potrà chiamare il Servizio Informatico della Diocesi, allo 0923.902702, oppure inviare un’e-mail a: ced@diocesimazara.it. Il responsabile dell’Archivio, don Pietro Pisciotta che risponde allo 0924.47556.

MODULO DI ISCRIZIONE

Cognome e Nome (richiesto)

Società

Indirizzo

CAP

Città

La tua email (richiesto)

Titolo di studi

Motivazione della ricerca

 

 

ACCESSO ALL’ARCHIVIO STORICO DIGITALIZZATO

 

L’iniziativa dell’Archivio storico digitalizzato è in collaborazione con:

logoSiciliaGrande_mini

Regione Siciliana
Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana
Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana
Servizio Soprintendenza Beni Culturali e Ambientali di Trapani
U.O. di base XI Beni Bibliografici e Archivistici
Palazzo Milo-Pappalardo Via Garibaldi, 70 – 90100 Trapani
tel. 0923808111 – fax 092323423
e-mail sopritp.uo11@regione.sicilia.it