[ASPETTANDO IL NUOVO PAPA] In Cattedrale a Mazara del Vallo tutti i giorni preghiera di adorazione sino alle ore 24

0
487

L’attesa del nuovo Papa tocca il cuore di molti. I cristiani cattolici della chiesa latina di Roma sono chiamati a vivere questi giorni di attesa del successore di Benedetto XVI con una fervida e intensa preghiera. Da lunedì 10 marzo e fino all’elezione del nuovo Pontefice, la Cattedrale di Mazara del Vallo accompagnerà il Conclave e l’elezione del Papa con la preghiera e l’adorazione che avrà inizio proprio lunedì 11 alle ore 18 con la Santa Messa vespertina. Dopo la celebrazione eucaristica, con turni di un’ora fino alla mezzanotte, seguirà la preghiera di adorazione e di intercessione. La preghiera si svolgerà nella cappella del Santissimo Sacramento e si svolgerà ogni giorno, sino a quando non sarà eletto il nuovo Pontefice.

Una veduta interna della Cattedrale di Mazara del Vallo.
Una veduta interna della Cattedrale di Mazara del Vallo.

«La nostra Chiesa sta vivendo un momento importante – ha ribadito il parroco don Giuseppe Undari – con la consapevolezza che per far sentire tutti partecipi di questo evento abbiamo scelto di viver un particolare e prolungato tempo di adorazione eucaristica».

Una veduta esterna della facciata col campanile della Cattedrale.
Una veduta esterna della facciata col campanile della Cattedrale.

LA CATTEDRALE – La Basilica Cattedrale del Santissimo Salvatore di Mazara del Vallo fu edificata nel 1093 da Ruggero I, a seguito di un voto fatto durante la battaglia del 1072 contro i saraceni. Intorno alla fine del XVII secolo venne radicalmente trasformata, ad opera di don Pietro Castro, in una cattedrale barocca a pianta basilicale, a croce latina, tanto che della costruzione originale si conservano solo le mura del transetto e l’abside. Nell’interno a tre navate, si distinguono diverse opere d’arte, tra cui un crocifisso ligneo del XIII secolo, tre sarcofagi romani, un portale marmoreo del 1525, il ciborio marmoreo e la Trasfigurazione (composizione di 6 statue di marmo) di Domenico Gagini e degli affreschi di Gianbecchina.

cattedrale3
La Trasfigurazione (composizione di 6 statue di marmo) di Domenico Gagini.

L’esterno è dominato da un possente campanile. Il portale è chiuso da una coppia di colonne in marmo, ognuna su ciascun lato, e da un altorilievo del 1500, anch’esso in marmo. Sopra l’altorilievo, campeggia lo stemma dei Borboni. Nella parte alta della facciata si trova una bellissima finestra tondeggiante, contornata da ricche decorazioni e sorretta da due angeli. Nel 1980 Papa Giovanni Paolo II ha elevato la Cattedrale a rango di Basilica minore pontificia.

MARTEDI 12 MARZO LA MESSA PRESIEDUTA DAL VESCOVO 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Scrivi una risposta