AZIONE CATTOLICA/Il bilancio 2016: nati nuovi settori ma in leggero calo il numero dei tesserati

0
315

Si è svolta domenica 5 giugno presso la chiesa madre di Campobello di Mazara, l’assemblea diocesana ordinaria di fine anno dell’Azione Cattolica diocesana. A presiederla il presidente Francesco Crinelli, con la partecipazione di tutti i membri del Consiglio diocesano, gli assistenti spirituali e i soci rappresentanti le varie associazioni parrocchiali presenti in diocesi. Dopo un momento di preghiera e le riflessioni di Don Pino Biondo, il presidente Crinelli ha relazionato sull’andamento dell’anno associativo appena trascorso evidenziando sia i punti forti sia le criticità dell’associazione.

Il Consiglio direttivo dell'AC diocesana.
Il Consiglio direttivo dell’AC diocesana.

Da un’accurata analisi è emerso un lieve calo sul numero dei tesserati ma è cresciuta la qualità della struttura associativa che ha visto nascere alcuni settori che non erano presenti negli anni passati. «Un anno di bilancio positivo – ha sottolineato Crinelli – ma soprattutto di rilancio associativo visto l’avvicinarsi alla scadenza del mandato triennale 2014-16 del Consiglio diocesano e le successive elezioni per il rinnovo delle nuove cariche associative nel 2017».

Il presidente dell'AC diocesana (al centro), Francesco Crinelli.
Il presidente dell’AC diocesana (al centro), Francesco Crinelli.

A seguire sono state presentate le prossime iniziative del percorso assembleare concludendo l’incontro con un momento di condivisione fraterna. Nella mattinata e prima dell’assemblea ordinaria, gli educatori del settore ragazzi hanno partecipato al terzo e ultimo incontro di formazione specifico organizzato dall’equipe Acr diocesana. Alla formazione, presieduta dalla responsabile Melinda Barbera, sono state illustrate, a cura di Chiara Sutera, le linee guida per la programmazione del Campo Scuola di fine anno associativo dal titolo “Andata e ritorno” che le varie associazioni parrocchiali si accingono a organizzare nel tempo estate eccezionale. A seguire don Nicola Patti, assistente per il settore ragazzi, ha presentato la figura biblica di “Giuseppe e i suoi sogni” figlio prediletto di Giacobbe che attraverso l’interpretazione dei sogni riesce a comprendere il volere di Dio ed a essere strumento nelle sue mani non solo per perdonare i suoi fratelli ma per salvare tutto il popolo d’Egitto. Giuseppe sarà protagonista insieme ai sogni dei ragazzi in tutti i giorni del campo scuola. Infine la parola è passata ai ragazzi con il progetto “A noi la parola” che la Diocesi di Mazara del Vallo presenterà a Roma durante il Festival dei Ragazzi dal 9 all’11 settembre 2016.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Scrivi una risposta