CORRADO PASSERA – Io siamo

0
147

PasseraSIAMO_300dpiCORRADO PASSERA
Io siamo
(edizione Rizzoli)
2014 | pagg. 216 | 15 euro

Si può fare. E dunque si deve fare. Si può costruire un futuro migliore per l’Italia: non occorrono bacchette magiche o demiurghi improvvisati; ciò che occorre sono serietà, competenza, passione. E’ questa la sfida che Corrado Passera vuole impegnarsi a vincere: riportare la politica alla sua fondamentale funzione di servizio, di ricerca del bene pubblico. Ruolo che da anni ha perduto, asfissiata e umiliata dall’invadenza e dall’ottusità della partitocrazia e dalla convinzione che fare politica sia nient’altro che un “mestiere”. Una sfida consapevole e tutt’altro che facile, ma proprio per questo affascinante. In Italia ci sono 10 milioni di persone che in un modo o nell’altro non lavorano. Occorre agire in profondità stimolando una crescita annuale del 2-3 per cento, immettendo risorse pari ad almeno 400 miliardi di euro. Si può fare e dunque si deve: nel libro sono elencate misure e strumenti per raggiungere l’obiettivo. Gli italiani hanno bisogno di riforme profonde che riportino competitività nel sistema e semplificazione nelle istituzioni valorizzando merito, responsabilità, trasparenza, generosità, coraggio. Con “Io siamo”, Passera presenta un ventaglio di proposte organiche, fortemente e soprattutto credibilmente innovative frutto, appunto, di una visione della politica come servizio. La stessa che l’ha portato nel corso degli anni a trasformare le Poste e ad impegnarsi nel terzo settore e nella fondazione di Banca prossima, esperienza di grande impatto sociale prima ancora che economico. Sono le motivazioni che hanno anche portato alla fondazione del movimento Italia Unica, un cantiere di valore e di valori nel quale tutti possono lavorare assieme per migliorare il nostro Paese. Il traguardo è fare in modo che l’Italia, ferma da vent’anni, torni ad essere uno dei Paesi migliori in cui vivere.

Corrado Passera sarà ospite del palazzo vescovile a Mazara del Vallo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Scrivi una risposta