Grani di Vangelo/15

0
184

I desideri della carne e i desideri dello Spirito: «Queste cose si oppongono a vicenda, sicché voi non fate quello che vorreste» (Gal 5,17b). Sembra un’annotazione marginale e trascurabile; si tratta invece di un’affascinante riflessione, dove si traccia, nel contesto dell’antropologia paolina, la complessità della natura umana. Non percorsi agevoli e sentieri chiaramente segnati, ma vie tortuose nascoste tra gli sterpi e i sassi aguzzi della storia. E se l’uomo intravede la propria felicità nell’abbraccio dello Spirito Paraclito, una miriade di ostacoli sono in agguato, a segnare il dramma che percuote l’esistenza: «Non riesco a capire ciò che faccio – confessa Paolo di sé – infatti io non faccio quello che voglio, ma quello che detesto»(Rom 7,15). Si consuma così un’accesa lotta interiore, che macera l’Apostolo e, con lui, ogni discepolo del Cristo. è forse questa la vera spina conficcata nella carne, cui accenna Rom 12,7b?

Per strappare quella spina non possono bastare le dita umane. Chi pretende di ergere una torre che raggiunga il cielo appartiene a Babele, dove si frantuma il popolo di Dio e tace il linguaggio dell’amore (cfr Gen 11,1-9). Non rimane altro che la faticosa vigilanza (cfr Gal 6,1b) e la continua ricerca della paradossale sapienza della Croce (cfr 1Cor 1,17-31): la sapienza che ammutolisce Giobbe, quando si ostina a voler capire il senso del dolore (cfr Gb 38,1-40,5); la sapienza che guida Qoelet a intendere che l’incomprensibile significato degli eventi risiede nel loro essere יebel, aria che non si può catturare (cfr Qo 1,2-11; 3,1-13). Lasciatevi guidare dallo Spirito, esorta Paolo (cfr Gal 5,18), poiché la pretesa di vivere il Vangelo, giorno dopo giorno, solamente con le proprie forze è pura arroganza. Radicati invece nella carità (cfr Ef 3,17), pur nelle paure, nelle ansie e negli affanni quotidiani, potremo gustare la tenerezza del Padre che consola il nostro dolore e disegna, tra le nuvole tempestose del cielo che minacciano la vita, l’arcobaleno della speranza.

Erina Ferlito per Condividere

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Scrivi una risposta