[IL RACCONTO] Caterina, Giuseppe e Umberto, quell’esperienza con le catechiste per il Giubileo e l’abbraccio col Santo Padre – LE FOTO

0
1239

Noi catechiste della Cattedrale Ss. Salvatore di Mazara del Vallo abbiamo partecipato al Giubileo dei catechisti voluto in questo Anno Santo dal nostro Papa Francesco. Sono stati due giorni pieni di benedizioni per il nostro gruppo che ha effettuato il pellegrinaggio alla Porta Santa. Ognuno di noi catechiste ha partecipato con il cuore colmo di amore e di speranze. Io, mio marito e mio figlio di 12 anni abbiamo partecipato al pellegrinaggio pieni di gioia e di amore nei confronti di Gesù. Man mano che ci avvicinavamo alla Porta Santa la nostra gioia aumentava sempre di più con la voglia di stare vicini sia fisicamente che spiritualmente a Gesù.

Arrivati alla penultima stazione di preghiera, prima di continuare il pellegrinaggio,  mio marito ha ricevuto il Santo Crocifisso che ha portato sino al sagrato. Tutti noi catechiste e familiari siamo giunti alla Porta Santa con gli occhi pieni di lacrime per la felicità che nutrivamo nel sentire dentro di noi una delicata serenità e consapevolezza che eravamo giunti lì insieme come famiglia unita dall’amore per Gesù. Usciti dalla Basilica di San Pietro abbiamo incontrato un sacerdote, don Gino, il quale vedendoci ha notato immediatamente la nostra felicità e ha detto  «di aver  visto la fede nei nostri occhi, la bella famiglia unita che trasporta amore». Lui ci ha donato i pass per partecipare alla Santa messa in Basilica, pass che sono stati donati anche alle catechiste del nostro gruppo con il quale, uniti dall’affetto, abbiamo vissuto momenti di gioia e felicità, che solo la Misericordia di Dio poteva farci provare.

VEDI QUI LA PHOTOGALLERY

La domenica mattina sul sagrato di San Pietro, don Gino, indicandoci come “Questa è la mia famiglia”, ci ha regalato ancora un’altra emozione, quella di poter abbracciare il nostro Papa Francesco dopo la celebrazione eucaristica. Per noi sono stati momenti indimenticabili che porteremo per sempre nel nostro umile cuore. L’amore, la gioia, la felicità, la condivisione, quel senso di essere tre persone unite dall’amore e per l’amore forte di Gesù. Un amore così immenso da avere tanta voglia di donarlo a tutti. Nell’abbracciare Papa Francesco lo abbiamo ringraziato per questo Giubileo, per averci fatto provare attraverso la fede la luce della Misericordia. Una luce che sono sicura accompagnerà la mia famiglia e le altre catechiste del gruppo donandoci gioia nel poter aiutare il prossimo e nel poter distribuire tanto amore a chi ne ha più bisogno.

Una luce che ci renderà più forti nel superare i possibili futuri momenti difficili che la mia famiglia dovrà affrontare, certi che l’amore di Gesù sarà sempre con noi. Un ringraziamento speciale alle persone che hanno reso tutto ciò possibile: al nostro Vescovo Domenico, al nostro don Gino di New York, al nostro parroco don Edoardo che mi ha proposto di far parte di questo meraviglioso gruppo di catechiste della Cattedrale e a tutti coloro che con pazienza e determinazione hanno organizzato l’evento che ci ha permesso di condividere tutte le forti emozioni che il Giubileo ci ha donato.

Caterina Rallo per Condividere
(Contributi di Piera Galfano, Donatella Randazzo, Alberto Alagna, Dora Polizzi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Scrivi una risposta