[LA GIORNATA] La carità: il carisma educativo, evangelizzazione in atto con il cuore di Cristo

0
248

Se anche la vita consacrata oggi parlasse tutte le lingue degli uomini che muoiono sull’asfalto, che si bucano per un nonnulla, che si separano per difficoltà comunicative, che sfruttano donne e bambini mettendoli all’asta del potere altrui, che marciscono nella solitudine dell’indifferenza della malattia, dell’emarginazione, che giungono senza nome e senza pianto sull’amata terra sicula, ma non avesse la carità della compassione, dell’ascolto, dell’accoglienza, della cura, della tenerezza, sarebbe come un bronzo che rimbomba, vuoto dentro e fastidioso fuori.

suore_profiloA

Se anche la vita consacrata oggi avesse il dono della profezia per svegliare con la sua obbedienza le sterilità del potere che uccide i figli nel grembo materno, la vessazione di coloro che negano la dignità della persona umana, e con la sua castità avesse il potere di svegliare la vocazione ai figli di dio presente in ogni povero, rifugiato, discriminato, malato… e con la sua povertà riuscisse a svegliare dal sonno illusorio chi si è accomodato nelle sue ricchezze e sicurezze, nell’autoreferenzialità che tutto nega all’altro… ma non avesse la carità del farsi parola per chi non ha diritti, la carità che si prende cura dei processi educativi e della crescita e la carità che esprime il suo potenziale nella fraternità, non sarebbe nulla.

suore_1

La carità è carisma di educazione che si fa accoglienza paziente dell’altro, che ama con cuore di madre e insegna con lo stile di Gesù maestro; la carità è evangelizzazione in atto con il cuore di cristo che accosta l’uomo, lo consola, lo illumina, lo accompagna nelle scelte; la carità è carisma espresso nella gioia, nella magnanimità del cuore, nella benevolenza che si fa ospitalità; la carità non cerca mai il suo interesse, perché dà spazio ai piccoli, non manca di rispetto anche quando l’ubriaco, il barbone, il pidocchioso bussano alla porta; la carità non tiene conto del male ricevuto perché si mette dalla parte dello straniero che non ha casa, né lavoro, nè permesso di soggiorno e cure mediche; la carità è carisma di parresìa che non gode dell’ingiustizia e non fa morire per un sì o un no il povero, ma difende chi non ha parola, scusa chi non conosce la lingua, abbraccia chi è ripugnante.

suore

La carità è carisma di condivisione che tutto scusa per un bene più grande, tutto sopporta purché i piccoli vivano, tutto spera mentre veglia accanto a un condannato o un agonizzante. Spariranno le forme che non dicono il cristo, si ammortizzeranno i fumi dell’orgoglio di opere epocali ritenute intramontabili, passerà la scena della mormorazione per la diminuzione dei numeri e per l’età avanzata. cesserà la rivalità tra le opere e le congregazioni, svanirà la gloria di memorie ritenute imperiture, ma la comunione dei carismi che dà voce alla carità di cristo sulla croce e sfigurato nel volto del fratello non cesserà. Se il nome di ogni forma di consacrazione sarà la carità, ogni attimo di croce e di risurrezione sarà eterno, perché più grande di ogni cosa è la carità.

don Vito Impellizzeri e suor Paolina Mastrandrea per Condividere

LEGGI QUI IL MESSAGGIO DEL PAPA PER LA 52MA GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LE VOCAZIONI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Scrivi una risposta