[LA RACCOLTA] Al via la vendemmia della legalità nei beni confiscati della Fondazione San Vito: AAA…cercasi volontari

0
296

Le uve biologiche sono già mature e da domani inizierà la vendemmia che si protrarrà sino a domenica. Ecco perché la «Fondazione San Vito Onlus» (fondazione della Diocesi di Mazara del Vallo) che gestisce alcuni fondi agricoli confiscati alla mafia nelle contrade Fiumelungo, Baronia Sottana (a Salemi) e Rosignolo (a Calatafimi) ha lanciato l’appello per cercare volontari – singoli o gruppi – che vogliono fare quest’esperienza, aiutando i pochi operai della Fondazione nella raccolta. Si chiamerà la «vendemmia della legalità», appunto perché la raccolta avviene in vigneti che sono stati confiscati alla mafia e sono tornati alla fruizione sociale.

Alcune volontarie durante la vendemmia della legalità del 2012.
Alcune volontarie durante la vendemmia della legalità del 2012.

«Raccoglieremo i vitigni d’Inzolia e Grillo – spiega Vilma Angileri, presidente della fondazione – e l’uva sarà venduta ad una società di Campobello di Mazara che la trasformerà in succo concentrato d’uva per l’utilizzo nel commercio alimentare. Il ricavato della vendita servirà a coprire le spese della coltivazione e il salario degli operai agricoli».

vendemmia3

vendemmia1
Filippo Azzarito, uno dei volontari che nel 2011 ha preso parte alla vendemmia della legalità.

I beni confiscati gestiti dalla «Fondazione San Vito Onlus» (che li ha avuti affidati dai comuni di Salemi e Calatafimi) sono simbolo della riappropriazione del territorio da parte della comunità, del riscatto civile e dell’impegno di tanti, perché non si perda mai la speranza nel cambiamento. «È per questo – aggiunge il vescovo monsignor Domenico Mogavero – che quest’uva ha un sapore in più: quello della legalità». Nel terreno di contrada Rosignolo a Calatafimi, la Fondazione negli anni ha reimpiantato un nuovo vigneto ed ora sono nati i nuovi frutti simbolo della vittoria contro la criminalità. In contrada Fiumelungo a Salemi, invece, il vecchio casale presente sul terreno è stato ristrutturato ed è diventato turismo rurale («Al Ciliegio»), con un’aula didattica e 40 posti a sedere. Per partecipare gratuitamente alla «vendemmia della legalità» si può chiamare al 3382372766.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Scrivi una risposta