[L’ANNIVERSARIO] Le suore francescane di Marsala/Strasatti da 50 anni al servizio dei più piccoli

0
888

Presenza e testimonianza nella contrada di Strasatti a Marsala. Da sempre le suore francescane sono state vicini ai più piccoli. L’istituto Santa Chiara affonda le proprie radici a cinquant’anni addietro. Fu su iniziativa del parroco don Francesco Perrone, il 2 ottobre 1960, che la superiora generale suor madre Teresa Cortimiglia accolse la richiesta di avere almeno due suore dell’istituto per portare avanti l’asilo infantile “don Giovanni Abate”. L’opera era stata voluta dalla signorina Vita Abate, in memoria del fratello sacerdote, che era stato parroco del quartiere.

suora3
Due suore francescane dell’istituto Santa Chiara, durante un pellegrinaggio a Lourdes.

Con le offerte degli abitanti la signora Vita aveva fatto costruire su un terreno di sua proprietà, un piccolo edificio per asilo. La signora, inoltre, era disposta a donare non solo l’asilo ma anche la casa paterna e il terreno che la circondava e in cambio chiedeva di vivere con le suore ed essere assistita  fino alla morte. Il consiglio generale, vedendo nella proposta la possibilità di estendere le opere dell’istituto a favore dell’infanzia, accettò la proposta.

Un momento d'animazione, lo scorso Natale, all'interno dell'istituto, insieme ad alcuni abitanti di contrada Strasatti.
Un momento d’animazione, lo scorso Natale, all’interno dell’istituto, insieme ad alcuni abitanti di contrada Strasatti.

L’11 ottobre 1960, il parroco fece pervenire alla superiora generale la richiesta ufficiale scritta,  dove spiegava di voler cedere all’istituto la proprietà della casa e del terreno. La risposta della madre generale arrivò il 16 ottobre confermando l’arrivo delle suore per l’apertura dell’asilo. Il 7 novembre arrivarono a Strasatti le prime due suore accompagnate dalla vicaria generale. La signora Vita Abate si unì alle suore, che, oltre all’asilo, offrirono assistenza ai bambini orfani e disagiati ed  iniziarono subito anche un’intensa attività pastorale in parrocchia, attività che continua ancora oggi sempre con immutato impegno. Intanto si era già provveduto a far realizzare un progetto per l’ampliamento dei locali. I locali non ancora ultimati servirono ad accogliere i  numerosi terremotati della Valle del Belice, colpiti dal sisma del 1968.

 

Una suora insieme ai bambini dell'asilo dell'istituto.
Una suora insieme ai bambini dell’asilo dell’istituto.

Dopo il trasferimento del parroco don Francesco Perrone a Mazara del Vallo, nella parrocchia di Strasatti arrivò monsignor Gaspare Giacalone e le suore dovettero intensificare la loro presenza in parrocchia proprio per le condizioni di salute poco floride del nuovo parroco, con cui continuò la collaborazione attiva. Il 26 giugno 1991 con solenne celebrazione liturgica presieduta dall’allora Vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Emanuele Catarinicchia, venne consacrato l’altare e dedicata la chiesa al Sacro Cuore di Gesù, così come voleva la signora Abate, raggiungendo così il completamento dell’opera. Ancora oggi l’istituto di Santa Chiara offre alla comunità di Strasatti, e non solo, la formazione dei bambini con la scuola dell’infanzia e primaria, offrendo una formazione umana e religiosa di livello qualificato.

Daniele Donato

Leggi anche [MARSALA/STRASATTI] L’esempio di madre Teresa Cortimiglia: il ricordo delle francescane

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Scrivi una risposta