Con l’auspicio che si dia avvio al processo di beatificazione del gesuita Giovanni Matteo Adami, nato a Mazara del Vallo nel 1576 e martirizzato a Nagasaki in Giappone nel 1633, si è conclusa l’edizione 2016 del Festino di San Vito dedicato quest’anno alla presenza dei Gesuiti in città. Il simulacro, domenica, è stato imbarcato sul peschereccio per la benedizione del mare. Nel corso della traversata, accompagnata da decine di imbarcazioni, è stato reso omaggio al simulacro del Cristo collocato a 18 metri di profondità in un tratto di mare compreso tra San Vito e Bocca Arena, a cura dei sub dell’associazione “Blue Deep”.

VEDI QUI LA PHOTOGALLERY DI ROBERTO MARRONE

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Scrivi una risposta