[L’ESPERIENZA] Per i bambini l’estate è Cre-Grest e i più piccoli chiedono al Vescovo: «Da bambino come pregava?….»

0
357

È stata una sorpresa la visita del Vescovo monsignor Domenico Mogavero per i ben centoventi bambini e quarantasei animatori del CreGrest della parrocchia Maria Ss. delle Grazie al Puleo di Marsala. A metà dell’esperienza di questo oratorio estivo per tutti i ragazzi è arrivato il dono di avere tra di loro il proprio Pastore. Occasione non solo per pregare ma anche per incontrare, in maniera semplice e spontanea, il proprio Vescovo, conoscerlo da vicino e sperimentare quella paternità della fede che passa proprio dai successori degli Apostoli. I bambini delle quattro squadre (rossa, gialla, azzurra e verde) e gli animatori, tutti in cerchio, hanno accolto il Vescovo per la preghiera che ogni giorno ha aperto la giornata del CreGrest. Il momento di preghiera è stato celebrato davanti ad una croce, preparata appositamente, decorata con tutti i nomi dei bambini e degli animatori. Come segno della preghiera i ragazzi hanno scelto quello della croce, innanzitutto perché è il simbolo per eccellenza della fede cristiana, luogo in cui si è realizzata la Pasqua, e inoltre è il segno visibile che dice il gesto di amore più bello della storia, gesto che dobbiamo sempre di più ricordare e custodire. Al termine della preghiera alcuni bambini, con la loro spontaneità, hanno presentato al proprio Vescovo alcune domande: sul perché ha deciso di diventare presbitero, come da bambino pregava e cosa lo ha spinto ad incontrarli. Un bel momento di dialogo e di vera relazione tra Vescovo e bambini che ha permesso a tutti di respirare quello che Gesù dice nel Vangelo «Lasciate che i piccoli vengono a me» (Mt 19).

grest4

“Piano terra” è la tematica di fondo che ha accompagnato il CreGrest e proprio alla luce di quello che è avvenuto con l’evento dell’Incarnazione, dove Dio ha toccato in tutti i sensi questa nostra terra, siamo stati invitati dal nostro Vescovo a non dimenticare mai di impegnarci a crescere nella nostra umanità senza paure e con la voglia gioiosa di andare sempre avanti anche quando sorgono le difficoltà della vita. “Piano terra”, con questo incontro, dice anche che la Chiesa nasce per questa terra e poggia le sue fondamenta proprio sulla stessa terra dove tutti noi ogni giorno camminiamo, su questa terra che spesso è coperta da polvere ma che è luogo necessario affinché il seme della Parola possa entrare per morire e cosi portare frutti di bene (cfr. Mt 13).

grest6

grest2

In questi circa dieci anni di esperienze di CreGrest, nate grazie all’impegno delle Suore Poverelle di Bergamo con la collaborazione del Cre-Grest della diocesi di Bergamo, la visita del Vescovo incoraggia tutti a continuare sempre nell’impegno con i bambini e i giovani, futuro della società e della Chiesa. In questi dieci anni le belle esperienze sono state tante e per tutti sono state occasioni per crescere e divertirsi insieme. In maniera particolare l’attenzione non può non andare ai quarantasei animatori che, dinnanzi alla comunità parrocchiale, si sono impegnati a svolgere il servizio di animatori. Loro hanno deciso di togliere parte della loro estate per dedicarla ai bambini, per farli divertire e per fare concretamente un esperienza cristiana attraverso la gratuità del servizio.

grest1

Un grazie da parte di tutti va al parroco don Enzo per la sua disponibilità e per il suo impegno a promuovere la continuazione di questi progetti che non solo offrono occasioni di divertimento ma sono luoghi in cui, nella serena relazione e nella spontaneità del confronto, si cresce e si migliora per divenire cosi utili cristiani a servizio per i fratelli e per la Chiesa.

 Alessandro Palermo

LE ALTRE ESPERIENZE/IL GREST NELLA PARROCCHIA DI CRISTO RE A MAZARA DEL VALLO

Anche nella parrocchia Cristo Re di Mazara del Vallo, i bambini hanno vissuto il  Grest “Estate ragazzi 2014”: centoventi i bambini iscritti e più di trenta gli animatori volontari appartenenti ai gruppi parrocchiali. La storia che ha fatto da filo conduttore per tutto il percorso, è stata quella di  Robinson Crusoe, il tema condiviso quello del naufragio. Entusiasti i ragazzi, che hanno potuto fare esperienza di attività laboratoriali straordinarie, i bambini hanno potuto realizzare oggetti e manufatti con materiali anche di riciclo, laboratori di nodi e persino laboratori di cucina. Moltissimi i giochi ed i momenti  di riflessione sull’esperienze condivise e sulla relazione con Dio che mai deve essere secondaria ad ogni svago. Bellissime le giornate trascorse dietro ad un pallone, con i bambini della parrocchia Santa Rosalia e ai giovani dell’associazione “Voci del Mediterraneo”. Protagonista immancabile è stata sempre la gioia, partecipata e alimentata dal sorriso dei ragazzi e dal  parroco don Giacinto Leone che ha condiviso con i bambini e gli animatori ogni giornata ed ogni progetto. La  serata finale cominciata con la santa messa nella piazza antistante la chiesa, si è  conclusa con una vera festa con le  famiglie e  con l’esilarante “spettacolo” sotto le stelle, realizzato dagli stessi ragazzi, che con un po’ di malinconia si sono dati appuntamento alla prossima estate.

Maria Cristina Gallo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Scrivi una risposta