[L’INCONTRO] Genitori-figli, urgenza dei nostri tempi: ricercare l’identità personale dell’uomo – VEDI I VIDEO

0
278

Il tema genitori-figli, l’educazione all’affettività/ sessualità e alla fede è un’urgenza dei nostri tempi di crisi antropologica perché educativa. Si parte dal concetto che oggi abbiamo perso la consapevolezza del compito educativo e il significato dell’educazione. Questo tema è stato affrontato da Daniele Celli, preside del liceo scientifico di Rimini e autore di saggi di Dottrina sociale, insieme alla Commissione per la pastorale familiare, nel consueto incontro estivo. Celli non dà ricette o metodi, ma riporta all’essenziale, alla natura dell’uomo, dono per se stesso e per gli altri. Guida con mano in un viaggio alla ricerca dell’identità personale dell’uomo che si fonda sulla sessualità e sulla libertà. Distingue tre livelli della sessualità: l’impulso che accomuna gli uomini agli animali; l’affettività o innamoramento: non solo attratti, ma invasi e travolti dall’altra persona; l’amore: dove entra in gioco non soltanto l’istinto e il sentimento, ma anche la ragione.

Daniele Celli (al centro nella foto).
Daniele Celli (al centro nella foto).

È in questo momento che l’uomo prende la decisione importante della vita, la scelta che renderà felici, cioè la realizzazione di uomini. Questo implica dono totale, esclusività, stabilità. Il matrimonio cristiano realizza il desiderio umano dell’amore, che è la meta massima a cui l’uomo tende e per cui è stato creato. Il sacramento colma il desiderio più grande dell’uomo, assicurare all’amato la felicità eterna, e solo tramite cristo questo si realizza. Dal comportamento dei genitori che vivono il matrimonio cristiano con la loro mascolinità e femminilità, i ragazzi imparano l’affettività e il rispetto degli altri: questa è la migliore scuola di sessualità! Perché educare alla fede?

convegno_famiglie1

La libertà la coppia la regala ai figli insegnando loro a usare la testa, a pensare. Far sorgere nei ragazzi la sana inquietudine di volere sapere chi siamo e perché ci siamo. Questa ricerca è connaturata nell’uomo e ci può portare all’incontro con cristo che ci cambia la vita. tutto questo non toglie la sofferenza, il dolore e la morte, ma sapere che c’è sempre qualcuno che ci ama sempre ci cambia la prospettiva e ci dona la gioia. Dunque l’esigenza dell’eucaristia, al centro della nostra vita, e delle opere per il regno di Dio.

Manfredo Spadaro per Condividere

VEDI QUI LE REGISTRAZIONI INTEGRALI DEL CONVEGNO CON DANIELE CELLI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Scrivi una risposta