Marsala, le conclusioni del Convegno diocesano affidate al Vescovo: «Bisogna crescere insieme o ci si inaridisce»

1
254

Formazione della coscienza ed educare a riconoscere il bisogno. Queste le due tematiche della relazione sul tema La solitudine dei ragazzi nella scelta del bene e del male che ha tenuto Anna Gioeni, docente presso l’Istituto superiore di scienze religiose di Messina, a conclusione dei lavori del Convegno diocesano, la due giorni a Marsala che ha visto insieme operatori pastorali, insegnanti di religione, giovani e scout. «La formazione della coscienza dura tutta la vita – ha detto la Gioeni nel suo intervento – bisogna essere credibili agli occhi degli adolescenti, educare a riconoscere il bisogno di Dio e degli altri». Ed ancora la Gioeni: «I ragazzi oggi sono soli – ha spiegato – i giovani sono immersi in un mondo che noi adulti abbiamo consegnato loro. È necessario che la famiglia, la chiesa, la scuola, i mass-media siano presenti con la testimonianza, in caso contrario ci ritroviamo un puzzle incompleto. Non possiamo affidare ai ragazzi responsabilità oggettive».

intervento
Anna Gioeni durante il suo intervento al Convegno diocesano

Il Convegno si è concluso con l’intervento del Vescovo monsignor Domenico Mogavero che ha relazionato sul tema Chi è la Chiesa? la Chiesa della Trinità. Il Vescovo ha, altresì, aperto una riflessione sul mondo degli adolescenti e la rete: «Non possiamo ignorare questo mondo virtuale – ha detto – dobbiamo accettarlo come comunità che vive il nostro tempo». Chiesa presente sul territorio, quindi, che dialoga ed ascolta. Ecco perché il Vescovo ha elencato gli impegni-priorità della Chiesa in Mazara del Vallo, proprio a conclusione dei lavori del Convegno: Umanesimo mediterraneo, «più attenzione al tratto umano, qualunque colore abbia e qualsiasi religione professi – ha detto – mi chiedo, quale umanesimo viviamo nelle nostre parrocchie? È necessario che si cerchi il dialogo coi parroci, quindi accoglienza, dialogo anche e, soprattutto, a chi vive le nostre comunità». Scelta educativa per fasce d’età, «con una logica progettuale differenziale che interessi i bambini, gli adolescenti, gli adulti, le famiglie per i differenti bisogni». Ed ancora: attenzione alle nuove povertà, più incarnazione sul territorio, «sentirlo come proprio». E per ultimo l’Eucaristia. «Bisogna crescere insieme o ci si inaridisce» ha concluso il Vescovo.

mog
Il Vescovo monsignor Domenico Mogavero
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento

Scrivi una risposta