[IL MESSAGGIO PER SAN VITO] «Per il Mediterraneo manca una strategia condivisa», la diretta FB dal peschereccio – VIDEO

0
572

È stato un messaggio di riflessione ma anche di speranza quello letto dal Vescovo monsignor Domenico Mogavero ieri, al rientro della processione a mare del simulacro di San Vito, a conclusione del Festino dedicato al Santo Patrono. «Alle vittime di un lavoro, duro e talora ingrato, abbiamo dedicato un pensiero orante, una corona di profumato alloro posta presso la statua del Redentore nei fondali azzurri e un saluto alla marinara con tre giri di barca. A loro abbiamo accomunato anche gli innumerevoli migranti, vittime di un destino che ha posto sul loro cammino di speranza un rifiuto disumano che mortifica la nostra coscienza civile e la nostra religiosità» ha detto il Vescovo.

RIVEDI LA DIRETTA FACEBOOK

ESCLUSIVA/La traversata di San Vito in mare a Mazara del Vallo.

تم نشره بواسطة ‏‎Diocesi Mazara / Condividere‎‏ في 27 أغسطس، 2017

«Permettere che questo mare, grembo di vita e crogiolo che accoglie le tre grandi religioni monoteistiche, diventasse cimitero liquido è stata una scelta sciagurata e dissacrante di cui la storia chiederà conto a tutti e severamente e sulla quale Dio stesso ci giudicherà chiedendoci, come a Caino: Dove sono i tuoi fratelli?» è stata la riflessione del Vescovo. Monsignor Mogavero ha poi posto l’attenzione sul futuro del Mediterraneo, «un orizzonte che si presenta denso di nubi oscure, presaghe di nuove incertezze e, Dio non voglia, di nuovi martiri tra la pacifica e operosa gente del mare. Il Mediterraneo ha una vocazione di laboriosità, di incontro, di dialogo, di pace e di sicurezza, oggi messa in forse da insorgenti, e forse mai sopiti, rigurgiti di ostilità e di predominio. Occorre intervenire subito in tutte le sedi – istituzionali e non – prima che la situazione sfugga di mano e devastanti bagliori di guerra sconvolgano questo mare, mettendo a repentaglio la vita e il lavoro dei nostri equipaggi e di quanti operano in esso».

E ancora: «manca una strategia condivisa. Sperare principalmente nelle risorse della politica, della diplomazia, dell’economia e della finanza è illusorio. Dobbiamo portare avanti la nostra appassionata scelta di amore per il mare Mediterraneo, impegnandoci nel progetto di renderlo casa comune di quanti abitano le sue sponde nella quale vivere relazioni umane e umanizzanti, quasi un laboratorio di incontro, di dialogo, di solidarietà, di pace». La traversata del Santo è stata trasmessa in diretta Facebook sulla pagina della Diocesi, grazie al gruppo di comunicazione della redazione del giornale diocesano “Condividere”: a bordo del peschereccio “Giuseppe Schiavone” sono stati ospiti lo storico Mario Tumbiolo, lo stesso Vescovo, il vice sindaco Silvano Bonanno, il vice comandante della Capitaneria di Porto Dario Riccobene e l’armatore Vincenzo De Santis. La diretta è stata seguita anche da numerosi mazaresi emigrati in Nord Italia.

© RIPRODUZIONE VIETATA

Scrivi una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here