[IL CONCORSO] “Terra senza mafia”, elaborati artistici entro il 30 aprile

0

Entro il 30 aprile si potrà partecipare al concorso “Terra senza mafia”, promosso dall’Opera di religione “Mons. Gioacchino Di Leo”. Il tema dell’edizione di quest’anno è “Come combattere la mafia ogni giorno?”. Al concorso possono partecipare ragazzi (quarta e quinta elementare, dalla prima alla terza media), giovani (dal 1° al 5° delle scuole superiori) e adulti. Si potrà partecipare con ogni espressione artistico-culturale: tema, poesia, disegno-dipinto, foto e gli elaboratori devono essere consegnati o inviati a: don Francesco Fiorino, via Omero, 2, 91025 Marsala (TP), telefono: 3939114018, operadileo@gmail.com.

Secondo il regolamento le diverse composizioni artistico-culturali (o opere) devono essere in lingua italiana o in lingua siciliana; la poesia deve essere inedita e composta da non più di 50 versi; il tema o lo scritto non deve superare i tremila caratteri; ogni autore può partecipare con una sola composizione. Non si accettano composizioni di gruppo; le opere presentate non saranno restituite e almeno venti di esse formeranno un volume “Terra senza mafia”; un’apposita giuria valuterà le opere pervenute. Il giudizio della giuria è inappellabile; la presentazione e la premiazione delle opere più significative avverranno nel mese di maggio 2024 presso il centro socio-educativo “I giusti di Sicilia” di Marsala (piazza della Vittoria, 4); la partecipazione al concorso costituisce espressa autorizzazione all’uso dei dati anagrafici, ai sensi delle leggi vigenti, unicamente ai fini delle comunicazioni inerenti al concorso stesso. I minori partecipanti devono presentare l’autorizzazione di almeno uno dei genitori. Il concorso gode del patrocinio del Comune e della Diocesi. Saranno premiati i primi tre classificati di ogni categoria di partecipanti. A tutti i premiati, tra l’altro, sarà offerto, un viaggio socio-educativo ad Agrigento.

© RIPRODUZIONE VIETATA

Scrivi una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here