[LA LETTERA] «La Madonna del Paradiso ci richiama a ravvivare la spiritualità»

0

Carissimi fratelli e sorelle della comunità parrocchiale di Cristo Re in S. Martino, con immensa gioia vi comunico la visita della venerata immagine della Madonna del Paradiso alla nostra comunità, dalla sera di martedì 13 alla sera di mercoledì 14 luglio, in occasione dei festeggiamenti per il 218° anniversario dell’incoronazione da parte del Capitolo Vaticano. L’inattesa visita del venerato simulacro caro a tutti noi, non può passare sotto silenzio ed inosservato in questo particolare frangente storico dell’umanità, un segno forte del passaggio di Dio che, attraverso la presenza di santa Maria in mezzo a noi, ci richiama fortemente a ravvivare la spiritualità di cui Ella stessa è portatrice e per la profonda incidenza che la mariofania ha avuto nella storia della nostra Chiesa di Mazara del Vallo e per la nostra Città.

L’immagine mariana ci porta a ritrovare nello sguardo attento e premuroso della Madre del Signore nei nostri confronti, il nostro orientamento attraverso lo sguardo tenero e misericordioso che umilmente chiediamo ancora una volta alla Madre di Gesù di rivolgere verso di noi per ritrovare la Via, la Verità e la Vita che abbiamo smarrito e per fare una nuova esperienza di Dio, la vita nuova in Cristo e nello Spirito Santo, che spesso trascuriamo. Oggi più che mai abbiamo bisogno di ascoltare l’invito che alle nozze di Cana Maria rivolse ai servi: «Fate quello che Lui vi dirà». Questa significativa e festosa ricorrenza, come ogni festeggiamento che sia gradito a Maria e sia utile a noi, non può che riportarci, umili e pentiti, nella casa di Dio. Sono proprio le difficoltà, aggravate dalla pandemia, che devono riportarci all’ascolto di Dio. È tempo di festa, è tempo di svegliarci dal sonno della paura, è tempo di vedere l’aurora che annuncia il giorno nuovo di cui Maria è portatrice e, con il Suo aiuto, vogliamo accogliere e vivere giorni nuovi che Dio stesso ci offre da vivere.

La sua presenza in mezzo a noi ci invita a guardare la storia con gli occhi di Dio, dentro un orizzonte di speranza verso il passato, verso il presente ed il futuro, verso tutto il tempo che sempre dobbiamo vivere come tempo di salvezza, di redenzione e di riscatto. E questo sempre, nonostante gli ostacoli che sembrano impedirlo e gli impedimenti che sembrano smentirlo. Con questa visita di speranza alla nostra Comunità, voglio invitarvi a prepararci e a vivere questo tempo di grazia pregando nelle nostre famiglie insieme fin d’ora la preghiera della Salve Regina, e a partecipare ai vari momenti comunitari che condivideremo insieme alle comunità parrocchiali della città.

don Daniele Donato

© RIPRODUZIONE VIETATA

Scrivi una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here